Commento al Vangelo, Quaresima e Pasqua

Dio mio, Dio mio, perché mi hai abbandonato?

Tintoretto, La crocefissione, Musei Civici, Padova

Commento alla domenica delle Palme (anno B)

Nella domenica delle Palme, nelle messe di rito romano, si legge la passione di Gesù nel racconto di uno dei vangeli sinottici.
Nell’anno B tocca al Vangelo di Marco. In questo commento cito alcune frasi del salmo 22 (21) che comincia con lo straziante grido di abbandono. Ma nello scorrere tutto il Salmo scopriamo la rivelazione della preghiera di Gesù sulla croce, che si conclude con la lode a Dio che lo ha ascoltato e soccorso. 

Mc 14, 1- 15, 47
Mancavano due giorni alla Pasqua e agli Àzzimi, e i capi dei sacerdoti e gli scribi cercavano il modo di catturare Gesù con un inganno per farlo morire. Dicevano infatti: «Non durante la festa, perché non vi sia una rivolta del popolo».
Gesù si trovava a Betània, nella casa di Simone il lebbroso. Mentre era a tavola, giunse una donna che aveva un vaso di alabastro, pieno di profumo di puro nardo, di grande valore. Ella ruppe il vaso di alabastro e versò il profumo sul suo capo. Ci furono alcuni, fra loro, che si indignarono: «Perché questo spreco di profumo? Si poteva venderlo per più di trecento denari e darli ai poveri!». Ed erano infuriati contro di lei.
Allora Gesù disse: «Lasciatela stare; perché la infastidite? Ha compiuto un’azione buona verso di me. I poveri infatti li avete sempre con voi e potete far loro del bene quando volete, ma non sempre avete me. Ella ha fatto ciò che era in suo potere, ha unto in anticipo il mio corpo per la sepoltura. In verità io vi dico: dovunque sarà proclamato il Vangelo, per il mondo intero, in ricordo di lei si dirà anche quello che ha fatto».
Allora Giuda Iscariota, uno dei Dodici, si recò dai capi dei sacerdoti per consegnare loro Gesù. Quelli, all’udirlo, si rallegrarono e promisero di dargli del denaro. Ed egli cercava come consegnarlo al momento opportuno.
Il primo giorno degli Àzzimi, quando si immolava la Pasqua, i suoi discepoli gli dissero: «Dove vuoi che andiamo a preparare, perché tu possa mangiare la Pasqua?». Allora mandò due dei suoi discepoli, dicendo loro: «Andate in città e vi verrà incontro un uomo con una brocca d’acqua; seguitelo. Là dove entrerà, dite al padrone di casa: “Il Maestro dice: Dov’è la mia stanza, in cui io possa mangiare la Pasqua con i miei discepoli?”. Egli vi mostrerà al piano superiore una grande sala, arredata e già pronta; lì preparate la cena per noi». I discepoli andarono e, entrati in città, trovarono come aveva detto loro e prepararono la Pasqua.
Venuta la sera, egli arrivò con i Dodici. Ora, mentre erano a tavola e mangiavano, Gesù disse: «In verità io vi dico: uno di voi, colui che mangia con me, mi tradirà». Cominciarono a rattristarsi e a dirgli, uno dopo l’altro: «Sono forse io?». Egli disse loro: «Uno dei Dodici, colui che mette con me la mano nel piatto. Il Figlio dell’uomo se ne va, come sta scritto di lui; ma guai a quell’uomo, dal quale il Figlio dell’uomo viene tradito! Meglio per quell’uomo se non fosse mai nato!».
E, mentre mangiavano, prese il pane e recitò la benedizione, lo spezzò e lo diede loro, dicendo: «Prendete, questo è il mio corpo». Poi prese un calice e rese grazie, lo diede loro e ne bevvero tutti. E disse loro: «Questo è il mio sangue dell’alleanza, che è versato per molti. In verità io vi dico che non berrò mai più del frutto della vite fino al giorno in cui lo berrò nuovo, nel regno di Dio».
Dopo aver cantato l’inno, uscirono verso il monte degli Ulivi. Gesù disse loro: «Tutti rimarrete scandalizzati, perché sta scritto:
“Percuoterò il pastore e le pecore saranno disperse”.
Ma, dopo che sarò risorto, vi precederò in Galilea». Pietro gli disse: «Anche se tutti si scandalizzeranno, io no!». Gesù gli disse: «In verità io ti dico: proprio tu, oggi, questa notte, prima che due volte il gallo canti, tre volte mi rinnegherai». Ma egli, con grande insistenza, diceva: «Anche se dovessi morire con te, io non ti rinnegherò». Lo stesso dicevano pure tutti gli altri. 
Per leggere la versione completa del vangelo di domenica continuare qui

Una donna entra nella casa di Simone fariseo, a Betania, dove Gesù è invitato, con un vaso di alabastro pieno di nardo prezioso, rompe il vaso e versa il profumo sul capo di Gesù.
Alle critiche sullo spreco di denaro, Gesù risponde con una lode unica: ovunque si predicherà il suo Vangelo si parlerà di lei e della sua opera buona verso di lui.
Anche uomini anonimi gli danno conforto: i discepoli che si interessano dove preparare la Pasqua; due tra loro che Gesù manda in città; un uomo con una brocca d’acqua e il padrone della casa dove lui entrerà. Uomini amici in quell’ora tremenda.
Tra la donna che lo ha confortato con il suo gesto d’amore e gli uomini che lo hanno aiutato, Marco nomina Giuda che va a tradirlo e rimane un mistero per sempre la sua motivazione.
Gesù lo sa e lo svela ai suoi senza svelarlo nella cena di Pasqua prima di donare il suo corpo nel pane e il suo sangue nel vino: «In verità io vi dico: uno di voi, colui che mangia con me, mi tradirà». Cominciarono a rattristarsi e a dirgli, uno dopo l’altro: «Sono forse io?».
Gesù lo svela in modo generico perché Giuda capisca e si converta. I discepoli si rattristano perché il gruppo non tiene e temono ciascuno per se stesso, ma troppo preoccupati di non essere il colpevole, non si attivano sufficientemente per capire chi è, per aiutare Giuda a ripensarci.

La prima Eucaristia sta tra la profezia del tradimento di Giuda e quella del rinnegamento di Pietro.
Sublimità di cielo e bassezza della terra si mescolano.
Gesù cerca anche con l’Eucarestia donata, con il suo corpo spezzato e dato da mangiare di aiutare Giuda a cambiare idea. Ma non accade.
Gli altri undici non si accorgono di Giuda che se ne va e dove va. Seguono Gesù nell’orto degli ulivi. La preghiera nel Getzemani, “Abbà, Padre”, è incorniciata dal sonno di Pietro, Giacomo e Giovanni, che non sono capaci di vegliare neanche un’ora per sostenere Gesù, ed è inutile essere svegliati e incoraggiati da lui in persona: continuano a dormire.
Arriva Giuda nella notte con gli sgherri armati e, tipico dei traditori, manifesta affetto al tradito, con un bacio. Avviene la cattura, il processo sommario, i testimoni che mescolano il vero con il falso.
Siamo nel cuore del vangelo, la narrazione della istituzione dell’eucaristia, della cattura, processo, passione, morte e risurrezione di Cristo, sono il motivo per cui tutto il Vangelo è scritto.
Meditarlo nella settimana santa ci fa molto bene.
Nel processo arriva la luce splendente della dichiarazione di Gesù: “Sei tu il Cristo, il Figlio del Benedetto?” “Io lo sono!”. Stracciamento di vesti del sommo sacerdote e condanna a morte. Arrivano gli sputi, le percosse, gli schiaffi. Pietro é nel cortile e una giovane serva, unica figura femminile negativa di tutta la passione di Gesù, lo stuzzica e lui ci casca e nega di conoscerlo. Intanto il gallo cantava. Pianto di Pietro.
Pilato capisce che c’è invidia all’origine di tutto quel processo, ma non ce la fa ad opporsi alla folla. Ci prova con la consuetudine di liberare un carcerato per la Pasqua, ma la folla che sta per essere liberata dalla croce di Cristo, sceglie di liberare Barabba e condanna Gesù.
I soldati aggiungono il loro contributo alla passione di Gesù: flagelli, corona di spine, chiodi nelle mani e nei piedi, vesti divise a sorte.
I capi dei sacerdoti e gli scribi lo provocano perché scenda dalla croce, perché così veda se è il Figlio di Dio.

Ma il Figlio di Dio ha un’altra idea della croce, l’ha scelta per dimostrare a tutta la storia degli uomini che Dio ci ama fin a dare la vita per noi, e non concorda con la loro convinzione che colui che pende dal legno sia maledetto da Dio.
Anzi Dio stesso prende il posto di tutti gli innocenti perseguitati e condannati a morte, ma anche il posto dei colpevoli, di tutti gli uomini di ogni epoca. Anzi si addossa le nostre colpe per salvarci.
Dio mio, Dio mio perché mi hai abbandonato?”.
La citazione del primo verso del Salmo significava ricordarlo tutto a chi lo ascoltava. E il Salmo che comincia con quel grido di chi si sente abbandonato, riporta profezie impressionanti di ciò che sta accadendo: “Ma io sono un verme e non un uomo, rifiuto degli uomini, disprezzato dalla gente. Si fanno beffe di me quelli che mi vedono, storcono le labbra, scuotono il capo: «Si rivolga al Signore; lui lo liberi, lo porti in salvo, se davvero lo ama!»
Il protagonista della preghiera del Salmo si rivolge a Dio con fiducia: “Sei proprio tu che mi hai tratto dal grembo, mi hai affidato al seno di mia madre. Al mio nascere, a te fui consegnato; dal grembo di mia madre sei tu il mio Dio. Non stare lontano da me, perché l’angoscia è vicina e non c’è chi mi aiuti”.
Di nuovo descrive ciò che gli sta accadendo: “Io sono come acqua versata, sono slogate tutte le mie ossa. Il mio cuore è come cera, si scioglie in mezzo alle mie viscere.  Arido come un coccio è il mio vigore, la mia lingua si è incollata al palato, mi deponi su polvere di morte. Un branco di cani mi circonda, mi accerchia una banda di malfattori; hanno scavato le mie mani e i miei piedi. Posso contare tutte le mie ossa. Essi stanno a guardare e mi osservano: si dividono le mie vesti, sulla mia tunica gettano la sorte”.
Torna a rivolgersi a Dio: “Ma tu, Signore, non stare lontano, mia forza, vieni presto in mio aiuto. Libera dalla spada la mia vita,
dalle zampe del cane l’unico mio bene
”.
E alla fine dichiara che il Signore lo ha ascoltato: “Tu mi hai risposto! Annuncerò il tuo nome ai miei fratelli, ti loderò in mezzo all’assemblea. Lodate il Signore, voi suoi fedeli, gli dia gloria tutta la discendenza di Giacobbe, lo tema tutta la discendenza d’Israele; perché egli non ha disprezzato né disdegnato l’afflizione del povero, il proprio volto non gli ha nascosto ma ha ascoltato il suo grido di aiuto”.

La seconda parte del Salmo è tutta luce e positività, ci fa pensare alla situazione del Risorto, mentre la prima parte descrive cosi bene il supplizio del crocifisso.
Gesù ci rivela che la sua preghiera sulla croce è come quella del salmo.
Poi Gesù dà un forte grido e muore.
Si squarcia il velo del tempio, perché non serve più.
Ecco arriva la luce della fede nel centurione pagano, primo tra tutti a convertirsi grazie alla morte in croce di Cristo: “Davvero quest’uomo era Figlio di Dio!”.
Maria di Magdala, Maria madre di Giacomo il minore e di Ioses, e Salome, e molte altre donne osservano da lontano.
Giuseppe d’Arimatea chiede il corpo di Gesù a Pilato, lo depone dalla croce in un lenzuolo nuovo e in un sepolcro anch’esso nuovo scavato nella roccia.
Come il grembo di Maria quel sepolcro prepara Gesù alla nuova vita.
Ha voluto provare anche l’esperienza umana della sepoltura per togliercene la paura e si prepara a darle il significato vero, quello del chicco di grano sepolto in terra per dare frutto.
Quel cadavere di uomo a cui la divinità non si separa – e dunque possiamo dire che è il cadavere di Dio fatto uomo – si prepara a vincere definitivamente la morte, a riprendere una vita che non lascerà più.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.