Maria con te

“Regina delle vergini”

Regina Virginum, Abbazia di Einsiedeln, Svizzera

Litanie lauretane – 57

Nel numero di Maria con Te che esce nell’ottava di Pasqua, la rubrica La voce de Rosario pubblica il mio commento alla litania “Regina delle vergini”, che mi dà la possibilità di approfondire il dono della verginità anche in riferimento al matrimonio cristiano, soprattutto attraverso due citazioni importanti, una di Giovanni Paolo II e una di Papa Francesco da Amoris Laetitia

Maria con te

“Regina dei testimoni della fede”

Lorenzo Lotto, Madonna del Rosario (particolare), Chiesa di San Domenico, Cingoli

Litanie lauretane – 56

In questo breve commento all’invocazione a Maria come regina dei confessori o dei testimoni della fede, cito una frase di Benedetto XVI: «Per fede, nel corso dei secoli, uomini e donne di tutte le età, il cui nome è scritto nel Libro della vita (cfr. Ap 7,9;13,8), hanno confessato la bellezza di seguire il Signore Gesù là dove venivano chiamati a dare testimonianza del loro essere cristiani: nella famiglia, nella professione, nella vita pubblica, nell’esercizio dei carismi e ministeri ai quali furono chiamati» (Porta fidei, 13).

Maria con te

“Regina dei martiri”

Francisco Goya, Regina dei martiri, Cattedrale di Saragozza, Spagna

Litanie lauretane – 55

Il commento alla litania “Regina dei martiri” viene pubblicato nel numero di Maria con te della Domenica delle Palme, in edicola dal 25 marzo, e può contribuire a considerare il mistero della madre sotto la croce.
“Visse con il cuore unito a Gesù la cattura, i processi, la notte in prigione, la flagellazione, l’incoronazione di spine, la crocifissione, la morte, il colpo di lancia, la sepoltura. Fu la prima martire senza morire.”.

Maria con te

“Regina degli apostoli”

Beato Angelico, Trittico del giudizio universale, ascensione e pentecoste (particolare), Galleria nazionale di Palazzo Corsini, Roma

Litanie lauretane – 54

“I primi due che seguono Gesù gli chiedono: «Maestro, dove dimori?». E Gesù: «Venite e vedrete», li portò con sé e rimasero con lui fino a sera inoltrata. Se in quella casa c’era Maria, comincia a essere la loro regina.”.
È anche Regina di tutti i cristiani che sono chiamati a essere apostoli nella Chiesa e nel mondo con il battesimo.

Maria con te

“Regina dei Profeti”

Johann Baptist Klauber, Regina Prophetarum (particolare), incisione

Litanie lauretane – 53

In questo breve commento dell’invocazione litanica “Regina dei Profeti” richiamo Isaia, Geremia, Giona, Michea.
E poi cito una luminosa spiegazione del card. Ratzinger:  “Il titolo di profetessa nella tradizione patristica è, per eccellenza, il titolo di Maria. È in Maria che si definisce con precisione cosa sia la profezia, quell’intima capacità di ascoltare, percepire e sentire che permette di avvertire la consolazione dello Spirito Santo, accogliendolo in sé, fecondandolo e offrendolo fertile al mondo […]”.

Maria con te

“Regina dei patriarchi”

Botticelli, Madonna del Magnificat (particolare), Galleria degli Uffizi, Firenze

Litanie lauretane – 52

Invochiamo Maria come “Regina dei patriarchi”. Mi immagino che i patriarchi dell’umanità – Adamo, Enoch, Noè – si rivolgano a lei in modo personale. E anche i patriarchi del popolo eletto – Abramo, Isacco, Giacobbe.
Alla fine faccio un accenno a Giuseppe, nostro patriarca.

Maria con te

“Regina degli angeli”

Guido Reni, L'incoronazione di Maria, (particolare), Pinacoteca Nazionale, Bologna

Litanie lauretane – 51

L’angelo Gabriele fu affascinato dalla disponibilità di Maria al piano di Dio che lui le aveva proposto. Lei gli fece una sola domanda e le era
stata sufficiente una risposta concisa.
Durante la sua vita gli angeli custodiscono le sue giornate, proteggono la sua storia e i suoi cari.

Maria con te

“Aiuto dei cristiani”

Tommaso Lorenzone, Maria Ausiliatrice (particolare), pala d'altare Basilica Maria Ausiliatrice, Torino

Litanie lauretane – 50

“La cananea ai piedi di Gesù pronuncia la preghiera più semplice e struggente: “Signore, aiutami!”. Gesù da bambino avrà chiesto tante volte: «Mamma, aiutami!». E Maria lo avrà aiutato spesso anche senza che lui glielo chiedesse. Nella vita pubblica, Maria lo ha aiutato, insieme alle donne che lo seguivano e «lo servivano con i loro beni», fino all’aiuto supremo, sotto la croce.”

Maria con te

“Consolatrice degli afflitti”

Pascal Dagnan-Bouveret, Consolatrix Afflictorum, Frick Collection, Pittsburgh, Usa

Litanie lauretane – 49

“È Dio che consola il suo popolo e i suoi figli, ma sa che le madri sono esperte nel consolare. Sceglie per sé una madre e ce la dona perché ci possa consolare. Maria ha consolato Zaccaria nel suo mutismo, e Giuseppe nel viaggio verso Betlemme e in fuga verso l’Egitto…”

Maria con te

Aiuto dei migranti

Francesco Hayez, I profughi di Parga, Brescia, Pinacoteca Tosio Martinengo

Litanie lauretane – 48

In questo articolo fra l’altro spiego perché scelgo, insieme con tanti altri, questa traduzione della nuova litania:
“La litania Solacium migrantium, inserita da papa Francesco il 20 giugno 2020, significa conforto, consolazione, soccorso, aiuto, rifugio dei migranti. Possiamo chiamarla “aiuto dei migranti” perché nella parola aiuto c’è posto sia per il conforto e la consolazione, che sono aiuti più spirituali, sia per il soccorso e il rifugio, aiuti più concreti e materiali. Tutti potremmo diventare migranti per le vicende della vita, e allora avremmo bisogno del suo aiuto.”