Letto e commentato, Trasmissioni Radio Maria

Natanaele

Acquerello di Anna Maria Trevisan

Sorpresi dall’amore. Incontri personali con Cristo – Decimo capitolo

 L’11 febbraio a Radio Maria ho letto e commentato il capitolo decimo di Sorpresi dall’Amore che si intitola “Non servono gli entusiasmi” e tratta dell’incontro con Gesù di Natanaele, portato dall’amico Filippo.
“Natanaele è di Cana di Galilea. Risponde a Filippo: «Da Nàzaret può venire qualcosa di buono? » (Gv 1,46). L’amico conosce il carattere forte di Natanaele, sa che non può competere con lui nell’interpretazione delle Scritture e apprezza il suo gusto per la verità e la sua abitudine a verificare ogni cosa. Allora lo invita: vieni anche tu, incontralo, te lo presento. Vieni e vedi con i tuoi occhi, poi deciderai tu se venire con noi, con lui.”

Letto e commentato, Trasmissioni Radio Maria

Una peccatrice di quella città

Acquerello di Anna Maria Trevisan

Sorpresi dall’amore. Incontri personali con Cristo – Nono capitolo

Il nono capitolo di Sorpresi dall’Amore, che si intitola “So solo baciare”, vede come protagonista il personaggio senza nome che è presentato da Luca nel capitolo settimo del suo Vangelo come “una donna, una peccatrice di quella città”, che “all’insaputa di Simone fariseo, entra nella sua casa, dove Gesù è ospite. Ha con sé un vasetto di profumo. Cerca Gesù. Ne ha sentito parlare, sente che Dio è in lui. Conosce la sua compassione per i poveri, sa che guarisce i malati, e sente dentro di sé la povertà più grande, la malattia più grave: vuole che Gesù la guarisca […]”.

Letto e commentato, Trasmissioni Radio Maria

Il cieco dalla nascita

Acquerello di Anna Maria Trevisan

Sorpresi dall’amore. Incontri personali con Cristo – Ottavo capitolo

Il 14 gennaio Radio Maria ha ospitato un’altra puntata delle trasmissioni intorno al libro Sorpresi dall’Amore, nella quale il protagonista è il cieco nato.
Ho letto e commentato infatti il capitolo “Non scotta più il sole”, dove racconto l’episodio dell’incontro di Gesù con il cieco dalla nascita, cercando di entrare nell’animo del personaggio.

Letto e commentato, Trasmissioni Radio Maria

Malato da trentotto anni

Acquerello di Anna Maria Trevisan

Sorpresi dall’amore. Incontri personali con Cristo – Settimo capitolo

Il personaggio del Vangelo protagonista del capitolo “Nella massa ciascuno è conosciuto” di Sorpresi dall’amore è quello che popolarmente viene spesso chiamato “il paralitico della piscina probatica”, ma che il vangelo definisce semplicemente come “un uomo che da trentotto anni era malato”. Era dunque una malattia cronica e molto invalidante, ma non è detto che fosse una paralisi.

Papa Francesco, Trasmissione Radio Mater

Il nostro amore quotidiano

Francesco Prata, Sposalizio di Maria Vergine, Chiesa di S. Francesco, Brescia

Spunti di riflessione sugli insegnamenti di Papa Francesco

Nella trasmissione del 22 febbraio su Radio Mater, ho iniziato a leggere e commentare il capitolo quarto di Amoris Laetitia, “L’amore nel matrimonio”.
La prima parte di questo capitolo quarto si intitola “Il nostro amore quotidiano” e fa un’esegesi spirituale molto acuta delle caratteristiche della carità secondo l’inno paolino della prima lettera ai Corinzi, applicandole all’amore matrimoniale.
I primi due passi su cui mi soffermo sono: la carità è paziente, benevola è la carità.

Letto e commentato, Trasmissioni Radio Maria

Una donna tra la folla

Acquerello di Anna Maria Trevisan

Sorpresi dall’amore. Incontri personali con Cristo – Sesto capitolo

Il personaggio del Vangelo che cerco di indagare nell’intimo con il capitolo “Lei è con Lui” è la donna che improvvisamente dalla fila lancia un complimento vivace a Gesù, con riferimento a sua madre: “beato il grembo che ti ha portato, beato il seno che ti ha allattato”.

Papa Francesco, Trasmissione Radio Mater

Ogni famiglia è un bene per la Chiesa

Vincent van Gogh, Primi passi, Metropolitan Museum of Art, New York

Spunti di riflessione sugli insegnamenti di Papa Francesco

Nella trasmissione di lunedì 25 gennaio su Radio Mater, ho letto e commentato le pagine 76-88 di Amoris Laetitia, concludendo così il terzo capitolo del documento.
Vi si parla di situazioni imperfette delle famiglie e dell’atteggiamento della Chiesa, di trasmissione della vita ed educazione dei figli e delle relazioni tra la famiglia e la Chiesa.
Particolarmente suggestivo a mio parere questo passo: «In virtù del sacramento del matrimonio ogni famiglia diventa a tutti gli effetti un bene per la Chiesa. In questa prospettiva sarà certamente un dono prezioso, per l’oggi della Chiesa, considerare anche la reciprocità tra famiglia e Chiesa: la Chiesa è un bene per la famiglia, la famiglia è un bene per la Chiesa. La custodia del dono sacramentale del Signore coinvolge non solo la singola famiglia, ma la stessa comunità cristiana».
È questa una verità che si tocca con mano ogni giorno nel relazione formativa con le famiglie.

Letto e commentato, Trasmissioni Radio Maria

I primi due discepoli

Sorpresi dall’amore. Incontri personali con Cristo – Quinto capitolo

In questa trasmissione a Radio Maria inquadro l’episodio evangelico dei primi due discepoli poi leggo e commento il capitolo a loro dedicato dal titolo Non si fa pregare, nel libro Sorpresi dall’amore.
“Così Gesù avvicina le persone, con interesse sincero, con l’ospitalità della sua casa, e della sua mensa.”.

Letto e commentato, Trasmissioni Radio Maria

Sentiva attraverso la sua pelle

Acquerello di Anna Maria Trevisan

Sorpresi dall’amore. Incontri personali con Cristo – Quarto capitolo

“Poiché non può sentire nessun suono, Gesù attiva per lui il senso del tatto e della vista. Il sordomuto si sente prendere per mano, per un braccio e accompagnare via. Vede che la folla ormai è in lontananza. Ora sono a tu per tu. Si possono guardare negli occhi. Il sordomuto vede gli occhi di Cristo. Vede come lo guarda…”

Letto e commentato, Trasmissioni Radio Maria

Nicodemo

Sorpresi dall’amore. Incontri personali con Cristo – Terzo capitolo

“Nicodemo è capo dei giudei, fariseo, ed è colpito da ciò che Gesù fa e dice. Va da lui di notte, per non essere notato, per non creare scompiglio, per essere più libero. Va da solo. Il suo interesse è personale anche se all’inizio si nasconde nel plurale: sappiamo che sei un maestro venuto da Dio.”.
Così inizia il capitolo “Nascere da Dio” di Sorpresi dall’Amore dedicato a Nicodemo.
Dopo il rude pescatore e la donna samaritana dalla vita complessa, ecco l’intellettuale coerente con il sistema dominante che incontra Gesù.